Miccichè alla 60esima giornata ANMIL – Caltanissetta

Immagine anteprima YouTube
Condividi questo articolo
[Facebook] [Google] [MySpace] [Segnalo] [Technorati] [Twitter] [Windows Live] [Yahoo!] [Email]
Condividi questo articolo:
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Google Bookmarks
  • email
  • MySpace

Tag: , ,

13 Commenti a “Miccichè alla 60esima giornata ANMIL – Caltanissetta”

  1. SANTINO scrive:

    A quanto pare questa associazione è piu’ interessata ad avere i finanziamenti che a promuovere una indagine specifica sulle cause degli infortuni.Soldi che servono a pagare l’acqua ed il personale…ed il personale….ed il personale.

  2. nico scrive:

    con governo cuffaro gli orfani di caduti sul lavoro
    dovevano passare con la legge regionale 20\99 per
    assunzione in soprannumero di fatto questo governo
    non ha fatto niente mio padre è morto sul lavoro
    ha 30 anni io ne avevo 7 anni all’epoca mai beneficiato
    di quello che dice la politica lavorare per morire
    spero che ci sia un dio per tutti visto che sono
    cattolico la colpz a è di tutti ci vogliono
    sanzioni controlli è con i soldi ricavate dalle tasse
    bisognerebbe inverstili nelle fasce piu deboli è no
    risanare i debiti che ha una regione con i soldi della
    povera gente poi nelle prossime elezioni si promette
    bisogna agire prima che finisce il mandato di questo governo in sicilia poi passano gli anni ecc ecc

  3. lino scrive:

    associazioni inutili e iniziative inutili

  4. michele mancuso scrive:

    Ho conosciuto i problemi che quotidianamente l’associazione deve affrontare per aiutare gli invalidi sul lavoro nonché la sua delusione per l’indifferenza da parte dei deputati nazionali e regionali, sollecitati negli anni precedenti in merito a tali questioni.
    L’incontro con l’On. Miccichè è stato l’inizio di un lavoro che si baserà dapprima su un’indagine conoscitiva delle problematiche degli incidenti sul lavoro e successivamente sullo studio delle soluzioni. L’impegno dell’On. Miccichè è stato chiaro. È un settore delicato ma importantissimo che sarà sotto la sua attenzione e che verrà studiato nelle sedi opportune.
    L’impegno e la costanza di coloro che lavorano per aiutare chi ha perso la capacità di provvedere a se e alla sua famiglia a causa del lavoro è lodevole.
    Michele Mancuso, Presidente del Consiglio Provinciale di Caltanissetta

  5. pamela scrive:

    Sono figlia di invalido sul lavoro e conosco questa associazione da quando ero bambina.Se il presidente dell’Anmil di Caltanissetta è sembrato preoccupato solo per i finanziamenti è perché nel video si vede parte della conferenza. Lo scopo dell’invito e della presenza dell’On. Miccichè è molto più nobile. Le richieste e l’impegno di Miccichè sono sostanziali e riguardano la modifica della normativa nazionale relativa alla tutela degli invalidi e dei loro figli. Spesso le morti bianche e le mutilazioni di coloro che sono vittime degli incidenti sul lavoro fanno scoop per pochi giorni, ma poi deve essere la politica a dare loro risposte concrete e queste associazioni a fornire gli strumenti necessari per la difesa dei loro diritti.
    Se l’On. Miccichè ha ritenuto importante essere presente è proprio perché comprende la complessità e la vastità del problema nonché l’importanza di questa associazione.

  6. Francesco Valenti scrive:

    Caro On. Miccichè, io sono un professionista e mi occupo di sicurezza, sia come responsabile che come soggetto formatore, quindi tocco quotidianamente con mano questi problemi. Condivido molto il suo modo di affrontare il problema a differenza di altri politici che parlano senza sapere di cosa stanno parlando. Le difficoltà caro on. sono infinite e spesso sono gli stessi lavoratori a sottovalutare il problema, quindi il colpito di noi responsabili si tramuta in opere di sensibilizzazione per far capire ai lavoratori che i primi garanti della loro salute sono loro stessi e solo dopo il datore di lavoro. Sicuramente il suo è l’approccio più corretto per affrontare un problema tanto caro a tutti, non promettendo situazioni impossibili ma garantendo un impegno serio per risolvere o cmq ridurre il più possibile gli infortuni, e questo si può fare solo nel modo che dice lei, prima documentandosi per capire le cause e i fattori che trasformano un pericolo in un danno alla persona e solo successivamente trovare le soluzioni giuste per ridurre il fattore rischio.

  7. nico scrive:

    post riferito al presidente consiglio provinciale di
    caltanisetta egreggio presidente io ho parlato con un
    senatore che per delicatezza non faccio il nome il
    quale gli ho detto io personalmente visto che mi sono
    studiato la legge a memoria quando è uscita la
    finanziaria nel 2008 della legge statale 24\12\2007
    n 244 art 3 dal comma 123 che prevede l’assunzione
    obbligatoria per gli orfani di caduti sul lavoro
    per chiamata diretta come le vittime del terrorismo
    è della criminalità organizzata della legge 407\98
    questo politico nazionale mi ha risposto io non so niente
    come prima al governo votate le leggi è poi li dimenticate
    cosa da matti visto è considerato ho scritto ha tanti
    enti pubblici il quale questi politici locali da quattro
    soldi non mi hanno nemmeno risposto per beneficiare di tale legge io non lo so anche i dirigenti sindaci non sono
    attivi per questo ha ragione brunetta dirigenti incapaci
    a casa la regione siciliana non controlla queste problematiche si occupa di monezza impianti partiti
    partitini ecc intanto io con le mie domande presentate
    dal 2008 sono ancora che aspetto compreso i dicasteri
    ma è inutile che scrivo tanto non cambia niente
    erano parecchi mesi che non intervenivo in questo blog è ne fao altretanto

  8. Osvaldo Barba scrive:

    Credo che oggi, l’impegno di qualunque politico su ogni campo è soggetto a critiche a volte anche aspre ed indecorose, più o meno strumentali, esternate dalle compagini partitiche avverse impegnate esclusivamente a condurre una battaglia personale tendente più che a fornire delle proposte valide ed alternative a quelle fornite da Gianfranco Miccichè. E’ logico e banalmente scontato che oggi ogni politico non può detenere l’elisir della giovinezza o il “piedistallo” per il vaso di Pandora, ma è anche altresì onesto pensare che l’impegno e esternato da Miccichè nei confronti di un’associazione meritevole di ammirazione e stima come ANMIL – Caltanissetta, possa essere tenuto sotto stretta osservazione sia da parte di ogni singolo socio aderente l’associazione sopramenzionata che da coloro i quali, fregandosene apertamente delle aspettative e priorità esternate dal Presidente Cuda, hanno come unico obiettivo la “demolizione” politica” del nascente Partito del Sud. Se qualcuno ha un’idea MIGLIORE DI COME RISOLVERE I PROBLEMI DELL’ANMIL – Caltanissetta, che si faccia avanti. Credo che Miccichè sia dotato dell’onestà mentale per farsi da parte a beneficio di quella parte di società civile che si apsetta delle risposte concrete. Diversamente, lasciate lavorare Gianfranco Miccichè. Quanto meno è presente. Quantomeno c’è.

  9. NATALINO PIAZZA scrive:

    CARO NICO TUTTI I POLITICI FANNO DELLA BUONA PROPAGANTA MA DI COSE CONCRETE NE FANNO POCHISSIME A DIRE IL VERO NULLA ,PARLANO PARLANO DICONO TANTE DI QUELLE MINCHIATE CHE LA META’ BASTEREBBERO FINO AL 10000 DC IN ITALIA TRA SENATORI E DEPUTATI ARRIVIAMO A 1000 POI CI SONO LE REGIONI ,LE PROVINCIE I COMUNI SOMMIAMO TUTTI QUESTI PALLONARI E VEDIAMO A CHE NUMERO ASTRONOMICO ARRIVIAMO .PROPRIO OGGI MENTRE MI RECAVO A LAVORO SEGUIVO ALLA RADIO LA LETTURA DEI GIORNALI AFFIDATA AL DIRETTORE RIOTTA SOLE 24H . IL NOSTRO MINISTRO DEL TESORO SCOMPARSO DICE GRAZIE AGLI ITALIANI PERCHE’ SONO STATE DELLE FORMICHINE E NON DELLE CICALE E QUINDI CI TROVIAMO MEGLIO DEGLI ALTRI DI AREA EURO , MA COMINCIASSERO LORO A FARE LE FORMICHINE TAGLIANDO TUTTI QUESTI PARLAMENTARI INCONGRUENTI . L’ALTRO GIORNO LA SICILIA RIPORTAVA CHE LA REGIONE SICILIA PAGA AL GIORNO 700.000 EURO D’INTERESSI AL GIORNO DEPUTATI ALLA REGIONE 90 GIA’ DA UN PO SI PARLA DI RIDURLI A 70 MA NON RICORDO CHI DICEVA CHE CAMBIEREBBE POCO PERCHE SI ANDREBBE A RISPARMIARE SOLO 7.000.000 DI EURO ALL’ANNO MA VI SEMPRA POCO FANNULLONI . QUINDI CARO NICO METTITI PULTROPPO IL CUORE IN PACE NON TROVERAI ASCOLTO ALLE TUE LECITE RICHIESTE DA PARTE DI QUESTI PALLONARI E ANCOR PEGGIO DEI PALLONARI CHE CI GRAVITANO ATTORNO

  10. nico scrive:

    riferito a natalino io il cuore in pace me lo metto
    hai perfettamente ragione credo che me ne andro fuori
    dall’italia il mio voto se sono in qualche paese europeo
    per ordinare la mia vita il mio lavoro non lo do ha nessuno
    tutti gli orfani di caduti sul lavoro vittime del terrorismo
    invalidi di guerra civili, ecc astenzione dal voto
    per questi buffoni astenzione al livello nazionale regiomale è locale enutile votare è portare al potere
    gente inutili i politici non mi ascolteranno mai ma
    quando apriro un blog tutto mio i miei simili ed
    altre categorie cerchero di contrastare questa politica
    di carattere mi arrabbio gli amici miei dicono si
    vede che haui carattere è per questo oggi sono in
    piedi da quando mio padre è morto sul lavoro io avevo
    7. anni oggi ne ho 42 anni non bevo non fumo è ho le
    idee chiare io sono andato avanti senza stato è che
    mi da rabbia che ancora oggi 2010 chew c’è un popolo
    di ignoranti in sicilia politicamente parlando basta
    poi è troppo per questa classe dirigente scarsa.

  11. incazzato scrive:

    forse sarebbe meglio che i magistrati facessero pulizia dentro gli uffici provinciali del lavoro della sicilia,dove regna la corruzione.abuso d’ufficio,omissione d’atti d’ufficio,abuso di potere,peculato,falso ideologico.
    tutto questo con la complicità politica mafiosa..
    lalegge statale 24\12\2007
    n 244 art 3 dal comma 123 che prevede l’assunzione
    obbligatoria per gli orfani di caduti sul lavoro
    per chiamata diretta come le vittime del terrorismo
    è della criminalità organizzata della legge 407\98
    è stata applicata con i metodi segnalati sopra..
    in galera vanno solo chi ha fame e prova ha ..rubare una cassetta di arance..
    queste cose succedono solo in questa sicilia di merda..
    a torino e roma le procedure d’assunzione per il comma 123 si sono svolte come da legge.
    w la sicila.w miccichè.w lombardo.w cuffaro….haa haaaaaa

  12. guppa scrive:

    ma voglio propio vedere che percentuale ci danno…

  13. guppa scrive:

    ba bo bo ba

Lascia un Commento